Stanchezza/ Burnout

Foto di Ayrus Hill su Unsplash

Sarà che lavori troppo
E che sorridi a tutti ma
Non ti ho mai vista così stanca e così logora

Il principe in bicicletta, I tre allegri ragazzi morti

Questo numero parla di stanchezza/burnout. Amore per quello che si fa, ma del dolore, anche fisico, di non riuscire a finire tutto. Tutto quello che si pensa che si dovrebbe portare a termine. Il senso di colpa delle procedure, lo sguardo stanco della disillusione. La produttività scelta e subita. Ma anche messa da parte: tutti vivono momenti complicati, come mai ci si sente inadeguati? Purtroppo capita ed è importante chiedere aiuto. Parlarne con il proprio medico, con la propria famiglia, con dei professionisti. Perché è necessario non rimanere soli. Nella stanchezza, nell’aridità dei sentimenti, chiedete aiuto.

“Il soggetto di prestazione si realizza fin nella morte. Autorealizzazione e autodistruzione, qui, coincidono.”

Byung-Chul Han, La società della stanchezza – Nuova Edizione – nottetempo

Perché se siamo nella società del potere fare rischiamo di consumarci per azione. Non più per conflitto o mancanza, ma per épuisement.
Sarà anche per tutte queste riflessioni che con la redazione abbiamo deciso di prenderci un momento di pausa estiva: ci saranno ancora due newsletter legate alla stanchezza/burnout ma poi ci sarà una sorta di revival dei vecchi numeri. 
Ma non c’è da preoccuparsi: torneremo con nuove poesie, racconti e articoli a fine Ottobre e il tema sarà il rumore.
Grazie ancora per averci letto. A questo numero hanno partecipato:

SIAMO ANCHE SU INSTAGRAM E FACEBOOK E NON DIMENTICARE DI ISCRIVERTI ALLA NEWSLETTER: A METÀ LUGLIO ESCE IL NUMERO CON GLI EXTRA!

Autore

Pamela Frani

Pamela Frani ha partecipato a vari corsi di scrittura e editing tra cui quelli di minimumlab,di Bottega di narrazione e i workshop di Interno Poesia. È l'ideatrice di fuoripunto.