Fotogrammi di un’assenza.

Foto di Ire Photocreative su Unsplash

#1. Un libro

“Essere donna è avere la guerra dentro, sempre, da sempre.
Cosa farai nei conflitti là fuori?
Come scriverai il tuo nome nel libro grande della storia?”

LA RESISTENZA DELLE DONNE di Benedetta Tobagi – Einaudi Editore 2022

L’assenza delle donne nelle pagine della storia.
Eppure il loro contributo è stato fondamentale: le donne hanno assistito, combattuto, salvato.  Benedetta Tobagi ridà voce e volto a quella metà della storia fino ad ora silenziata
Lo fa partendo dalle fotografie raccolte in decine di archivi : donne giovanissime, occhi vispi e corpi minuti. Il risultato è grande album di famiglia,  un mosaico di esistenze, tragedie, ideali e speranze.
È la ricostruzione di una mappa ideale che partendo dalle vicende storiche della Resistenza arriva ai nostri giorni in una profonda riflessione sul ruolo delle donne ieri oggi e domani.

#2. Un film

“Se il sole esplodesse, non ce ne accorgeremmo per otto minuti: il tempo che impiega la luce ad arrivare fino a noi. Per otto minuti, il mondo sarebbe ancora illuminato e sentiremmo ancora caldo. Era passato un anno dalla morte di mio padre e sentivo che i miei otto minuti con lui stavano per scadere”

MOLTO FORTE, INCREDIBILMENTE VICINO di Stephen Daldry  – 2’11 Warner Bros (Tratto dall’omonimo romanzo di Jonathan Safran Foer – Guanda Editore 2005)

Una chiave ritrovata nell’armadio del padre ed un nome: Black. Ecco ciò a cui Oskar si aggrappa dopo la morte del padre, vittima dell’attentato alle Torri Gemelle di New York.
Una caccia al tesoro per impedire che i ricordi del padre sfuggano di mano, un modo per tenerne viva la memoria. L’elenco del telefono registra 472 Mr. o M.ss Black nella città di New York, ed è intenzione di Oskar  intervistarli tutti per trovare frammenti di un padre perduto.Un viaggio di formazione che obbligherà Oskar a fare i conti con il proprio dolore. 

Trailer

#3. Una canzone

And what can I tell you my brother, my killer
What can I possibly say?
I guess that I miss you, I guess I forgive you 
I’m glad you stood in my way

FAMOUS BLUE RAINCOAT di Leonard Cohen 1971 (canzone tratta dall’album Songs of love and hate)

Una breve lettera in cui Leonard Cohen si rivolge ad un uomo che ha sedotto la sua donna in un triangolo amoroso sospeso tra sogno e realtà. Un amico, un rivale di cui sente la mancanza e che si trasforma per un attimo in complice.
Tracce di perdono scritte. Pensieri sparsi alla ricerca del senso di vivere.
Sullo sfondo una New York scaldata dalla musica di Clinton Street ed il ricordo di un trench di colore blu.

Traccia